Sei in: Home » Articoli

Cassazione: somme sul conto del professionista? Vanno tutte imputate all'attività di lavoro autonomo e sono pertanto indice di reddito per il fisco

Tutte le somme versate sul conto bancario del professionista, anche se cointestato con altre persone (es. moglie), vanno imputate alla sua attività di lavoro autonomo salva, naturalmente, la prova contraria.
Lo ha deciso la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Sent. 14847/2008) precisando che "in tema di accertamento delle imposte sui redditi ai sensi degli artt. 32 e 39 del d.P.R. 600/1973, i dati raccolti dall'Ufficio in sede di accesso ai conti correnti bancari di un professionista consentono, in virtù della presunzione legale contenuta nella detta normativa, di imputare gli elementi da essi risultanti direttamente a ricavi dell'attività di lavoro autonomo svolta dal medesimo, salva la possibilità per il contribuente di provare che determinati accrediti non costituiscono proventi della detta attività e che pertanto, in relazione alla suddetta presunzione concernente gli elementi risultanti dagli accertamenti bancari, si determina una inversione dell'onere della prova, per cui […], deve ritenersi che l'amministrazione abbia fornito la prova dei fatti costitutivi della maggiore pretesa tributaria e spetta al contribuente fornire adeguata e specifica prova contraria".
La Corte ha poi aggiunto che "la suddetta prova contraria deve essere circostanziata e non può consistere nella mera affermazione che sul conto corrente confluivano anche somme di pertinenza di terzi, avendo in particolare questa Corte affermato […] che, al fine di superare la presunzione posta a carico del contribuente dall'art. 32, d.P.R. 600/1973, 'non è sufficiente dimostrare genericamente di aver fatto affluire su un proprio conto corrente bancario, nell'esercizio della propria professione, somme affidategli da terzi in amministrazione, ma è necessario che egli fornisca la prova analitica della inerzia alla sua attività di maneggio di denaro altrui di ogni singola movimentazione del conto'".
(19/06/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Assegno sociale: è compatibile con la pensione di reversibilità?
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
In evidenza oggi
Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate RiscossioneNiente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
La ricusazione del giudice civile
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF