Sei in: Home » Articoli

Debiti scolastici: Risorse aggiuntive per 57 mln di euro. Termine per il recupero fissato al 31 agosto 2008

In un comunicato stampa il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca fa il punto della situazione sull'attività di recupero dei debiti scolastici e sugli scrutini finali. Al momento, spiega il Ministero, considerato che si è al termine dell'anno scolastico, non è possibile pensare ad un a modifica delle disposizioni vigenti in materia di recupero dei debiti scolastici ma, all'inizio del nuovo anno scolastico, si potrà procedere ad un'analisi delle diverse problematiche emerse.
Ogni eventuale modifica, si legge nel comunicato stampa, sarà oggetto di confronto tra il Ministero e le organizzazioni sindacali di categoria, le associazioni professionali, le associazioni dei genitori, le consulte e le associazioni degli studenti.
Nel frattempo una circolare inviata a tutte le scuole d'Italia, prevede alcune misure ad effetto immediato:
1. Lo stanziamento di 57 mln di euro per la organizzazione dei corsi di recupero. Somma questa che si va ad aggiungere ai 197 milioni già previsti.
2. Il riconoscimento dell'autonomia alle scuole sulle scelte organizzative in ordine alle modalità di recupero.
3. La fissazione del termine per il recupero dei debiti scolastici per il 31 agosto 2008. Sono tuttavia possibili proroghe motivate da particolari esigenze organizzative. In ogni caso le iniziative di recupero e la loro valutazione dovranno concludersi entro la data di inizio delle lezioni.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/06/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF