Sei in: Home » Articoli

Contratto concluso dal rappresentante: conflitto di interessi

Affinché il conflitto di interessi (conosciuto o conoscibile dal terzo) renda annullabile il contratto concluso dal rappresentante, è necessario che questi sia portatore di interessi incompatibili con quelli del rappresentato, mentre non ha rilevanza, di per sé, il fatto che l'atto compiuto sia vantaggioso o svantaggioso per il rappresentato e che quest'ultimo provi di aver subito un concreto pregiudizio. Lo ha stabilito la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. n. 16708 del 26/11/2002), precisando che ?i vincoli di solidarietà e la comunanza d'interessi fra rappresentante e terzo sono indizi che consentono al giudice del merito di ritenere, secondo l'id quod plerumque accidit ed in concorso con altri elementi, sia il proposito del rappresentante di favorire il terzo, sia la conoscenza effettiva o quanto meno la conoscibilità di tale situazione da parte del terzo?.
(17/12/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF