Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Petardi creano panico come le bombe. Rischio carcere per ultras

Anche il semplice lancio di un petardo allo stadio può far scattare le manette. Lo afferma la Corte di Cassazione. E non importa se il lancio avviene in una zona "non particolarmente frequentata", per i Giudici del palazzaccio i petardi sono come delle bombe e creano "pericolo per le persone". E' stato così accolto il ricorso della procura di Napoli che si era opposta alla revoca della custodia cautelare in carcere nei confronti di alcuni tifosi che avevano lanciato "alcuni grossi petardi esplosivi nello stadio San Paolo durante l'incontro di calcio tra le squadre di Napoli e di Frosinone il 2 dicembre del 2006". Il Tribunale non aveva convalidato la custodia in carcere per il reato di danneggiamento seguito da incendio nei confronti dei tifosi perché "i petardi non sono assimilabili ne' a bombe, ne' a materie esplodenti" e perché non ricorreva la "finalita' terroristica, ne' quella di attentato all'ordine e alla sicurezza pubblica". La Procura si è però rivolta alla Cassazoine sostenendo che anche i petardi devono essere inclusi tra le "materie esplodenti" che ingenerano panico tra la gente e che, in base all'art. 6-bis della legge 401 dell'89, e' prevista la custodia in carcare. La Corte accogliendo il ricorso ha rinviato il caso al Tribunale di Napoli, che dovra' ora rivedere la posizione degli indagati, tenendo conto del fatto che "il lancio reiterato all'interno dello stadio e in concomitanza della competizione spotiva, di grossi petardi ragionevolmente " crea situazioni di "pericolo per le persone".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/04/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debitoEquitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF