Sei in: Home » Articoli

Cassazione: soci contestano la gestione della Società? Rischiano condanna per diffamazione se non provano le accuse

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 16420/2008) ha stabilito che rischiano una condanna per diffamazione i soci che lamentano un bilancio irregolare senza riuscire a provare le loro accuse.
La Corte ha quindi precisato che "è innanzitutto pacifico, essendo sul punto la giurisprudenza della Suprema Corte costante, che […], ai fini della integrazione dell'elemento psicologico del delitto di diffamazione non è necessaria la intenzione di offendere il soggetto passivo – cd. animus iniurandi o diffamandi –, essendo sufficiente il dolo generico, consistente nella volontà di usare espressioni offensive con la consapevolezza di offendere l'altrui reputazione, volontà e consapevolezza che, tenuto conto di quanto emerge dalla motivazione della sentenza impugnata, non vi è alcun motivo per ritenere insussistente nel caso di specie".
Ha poi aggiunto che se è vero che "deve essere riconosciuta ai cittadini la più ampia possibilità di critica e se è vero che ai soci di una società deve essere riconosciuto il diritto di criticare gli amministratori anche in modo aspro perché debbono esercitare il loro potere di controllo in modo penetrante proprio per assicurare l'esercizio di una corretta attività gestionale nell'interesse della società e dei soci, e se è vero, infine, che la critica si sostanzia in un giudizio non suscettibile di essere considerato vero o falso, è altrettanto vero, per oramai pacifica giurisprudenza di legittimità, che il fatto assunto a base delle opinioni e delle valutazioni espresse deve essere esistente".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/05/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF