Sei in: Home » Articoli

Cassazione: incivile parlare al cellulare mentre si guida. Mette a rischio la vita degli altri

Anche la Corte di Cassazione prende posizione su un'abitudine degli automobilisti italiani: quella di parlare al cellulare mentre si guida. Una condotta incivile, spiega la Corte (sentenza 14311/2008) che risulta oltretutto molto pericolosa per la vita degli altri. Gli 'ermellini' si sono dunque pronunciati contro questa consuetudine occupandosi del caso di un automobilista che, fermato da un maresciallo dei Carabinieri perché stava parlando al telefonino, si era rivolto all'agente dicendogli: "con tutto quello che accade andate a guardare queste c...".
Immediata la denuncia del maresciallo e la conseguente condanna per ingiuria.
Ma la Corte ha fatto di più. Non solo ha confermato la condanna dell'automobilista, ma ha anche bollato come "incivile" il suo comportamento ed ha colto l'occasione per bacchettare quanti, oltre a parlare al telefonino, si comportano con arroganza se fermati dalle forze dell'ordine.
E' davvero singolare, scrive la Corte, "che una persona sorpresa mentre sta violando la legge con una condotta molto pericolosa per la vita degli altri, invece di chiedere scusa per il suo comportamento incivile, reagisca in modo non solo inurbano ma anche offensivo per chi sta facendo il proprio dovere per assicurare il rispetto della legge". Anche l'espressione triviale usata nei confronti del maresciallo "denota non solo disprezzo ma anche l'infondatezza dell'accusa che i carabinieri si dedichino ad attivita' inutili e vessatorie".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/04/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF