Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittima l'accusa di illegalità diretta ai politici

In politica certe valutazioni si possono anche ammettere. E così un'accusa di commettere illegalità e di essere addirittura i "protettori dell'illegalità" non costituisce reato. Parola di Cassazione. I Giudici del Palazzaccio hanno infatti annullato "perche' il fatto non costituisce reato" una doppia condanna per diffamazione di un consigliere comunale che durante un aseduta aveva affermato che il sindaco dell'amministrazione precedente e quello attuale erano stati dei "protettori dell'illegalita'". I giudici di merito avevano ritenuto si trattasse di una diffamazione in piena regola. La condanna è stata ora annullata dalla Corte di Cassazione (lV sezione penale sentenza 13880/2008) che, pur dolendosi dei "livelli di degenerazione linguistica" a cui e' arrivata la nostra politica ha chiarito che l'accusa di illegalita' diretta a un politico deve essere considerata "una valutazione prettamente politica", dunque un'espressione che rientra nel legittimo "diritto di critica". Nel ricostruire la vicenda la Corte sottolinea come le accuse in questione rientrassero in un "excursus storico delle vicende relative all'approvazione del piano regolatore del Comune di Solofra, negli anni precedenti al '99, nel quadro di una vivace critica ai metodi di amministrazione dell'epoca, che aveva avuto seguito nell'amministrazione in atto". Anche se l'espressione utilizzata "ha valenza obiettivamente lesiva dell'altrui onore o decoro, tanto piu' se riferita a rappresentanti della pubblica amministrazione", considerato il contesto in cui era avvenuta e le sue finalizzazioni "esprimeva una valutazione prettamente politica". E come tale non punibile. Si legge nella motivazione che un simile epiteto deve inquadrarsi "in un suggestivo parallelismo storico che intendeva sottolineare, e stigmatizzare, la perpetuazione di sistemi gestionali che, in materia tanto delicata, erano ritenuti, a torto o a ragione, ma sempre in chiave di valutazione di parte, volti alla copertura di grumi di interessi illegali, che l'approvazione del piano di lottizzazione intendeva evidentemente legittimare". Di qui la considerazione che il fatto costituisse espressione di una "mera opinione valutativa propria della particolare angolazione prospettica del gruppo politico di appartenenza".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/04/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF