Sei in: Home » Articoli

Amministrativo: in tema di nullita' dell'esecuzione del giudicato

Il ricorso per l'esecuzione del giudicato formatosi su sentenza dell'A.G.O. presuppone che: a) la sentenza di cui si chiede l'esecuzione sia passata in giudicato; b) tale sentenza sia successivamente al passaggio in giudicato notificata al debitore; c) il creditore attenda, prima di intraprendere il giudizio, 120 giorni in applicazione dell'articolo 14 del d.l. 31-12-1996, n. 669, convertito, con modificazioni, dalla legge 28-2-1997, n. 30 secondo cui “le amministrazioni dello Stato e gli enti pubblici non economici completano le procedure per l'esecuzione dei provvedimenti giurisdizionali e dei lodi arbitrali aventi efficacia esecutiva e comportanti l'obbligo di pagamento di somme di danaro entro il termine di centoventi giorni dalla notificazione del titolo esecutivo.
Prima di tale termine il creditore non può procedere ad esecuzione forzata né alla notifica di atto di precetto”; d) il deposito del ricorso per l'esecuzione del giudicato sia preceduto dalla notifica dell'atto di diffida – sottoscritto personalmente dalla parte o dal suo difensore munito di apposita procura - prescritto dall'articolo 90 del r.d. 17 agosto 1907, n. 642, costituente, per consolidata giurisprudenza, atto diverso e distinto dal precetto funzionale alla esecuzione forzata in sede civile (Consiglio di Stato, sez. V, 5 settembre 2006, n. 5128);
Tar Lazio, Latina, Sentenza 27.2.2008 n. 122
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/04/2008 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF