Sei in: Home » Articoli

L'amministrazione inerte di fronte ai cittadini compie un gesto illegittimo

Con ricorso notificato il 7.5.2007, depositato l'1.6.2007, i ricorrenti in epigrafe indicati (nell'assunto che, dopo la formulazione di istanze al Comune di Marino di ottenimento dell'allaccio delle loro utenze al servizio idrico comunale e la notifica di espressa diffida e messa in mora al riguardo, il Comune č rimasto inadempiente) hanno chiesto, perdurando l'inerzia del Comune, l'accertamento e la condanna in epigrafe indicati, deducendo i seguenti motivi: 1.- Violazione dell'art. 2 della L. 7 agosto 1990, n. 241, come modificato dalla L. 14 maggio 2005, n. 80 e dall'art. 97 della Costituzione. Dalle molteplici istanze dei condomini ricorrenti e del condominio, di ottenimento dell'allaccio delle loro utenze al servizio idrico comunale, sarebbe scaturito l'obbligo del Comune di Marino di concludere il procedimento de quo con un provvedimento di accoglimento o di diniego. Dopo una iniziale comunicazione di detto Comune, in cui si faceva riferimento ad una sospensione temporanea, non si sarebbe avuto riscontro alle successive richieste e diffide di allaccio.
Tar Lazio, Roma, Sentenza 18.10.2007 n. 9948
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/04/2008 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le pių lette:
» La successione legittima
» Due multe da 286 euro e salvi la patente
» Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
» Vacanze gratis Inps: domande entro il 16 marzo
» Avvocati: via libera ai 6 mesi di pratica anticipata per i laureandi
In evidenza oggi.
Tirocini giudiziari: al via le borse di studio da 400 euro. Domande entro il 26 marzo
Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF