Sei in: Home » Articoli

Lavoro: infermità permanente e motivi di recesso

Non è ravvisabile giustificato motivo di recesso del datore di lavoro dal contratto di lavoro subordinato (artt. 1 e 3, legge n. 604 del 1966, artt. 1463 e 1464, cod. civ.) nelle ipotesi di sopravvenuta infermità permanente del lavoratore, che abbia determinato l'impossibilità della prestazione lavorativa. Lo ha stabilito la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sentenza n.16141 del 15 novembre 2002) precisando che la sola ineseguibilità dell?attività svolta dal prestatore di lavoro non esclude la possibilità ?di adibire il lavoratore ad una diversa attività, riconducibile - alla stregua di un'interpretazione del contratto secondo buona fede - alle mansioni attualmente assegnate o a quelle equivalenti (art. 2103, cod. civ.), ovvero, se ciò sia impossibile, a mansioni inferiori, purché tale diversa attività sia utilizzabile nell'impresa, senza alterazione dell'assetto organizzativo della medesima?. Grava sul datore di lavoro, dunque, l?onere di dimostrare la sussistenza del giustificato motivo di recesso e di provare, quindi, le attività svolte all?interno dell?impresa e l'impossibilità di assegnarvi il lavoratore senza alterare l'organizzazione tecnica e produttiva. Allo stesso tempo, chiarisce la Corte, il lavoratore che impugna il licenziamento giustificato con la sua inidoneità fisica, è tenuto a manifestare la propria volontà di essere assegnato ad attività diverse, allegando la propria idoneità fisica a svolgimerle.
(03/12/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Appropriazione indebita: guida legale con articoli e sentenze
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
» Obbligare la moglie a discutere è reato
» Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
In evidenza oggi
Diritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitoreDiritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitore
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF