Sei in: Home » Articoli

Lavoro: infermità permanente e motivi di recesso

Non è ravvisabile giustificato motivo di recesso del datore di lavoro dal contratto di lavoro subordinato (artt. 1 e 3, legge n. 604 del 1966, artt. 1463 e 1464, cod. civ.) nelle ipotesi di sopravvenuta infermità permanente del lavoratore, che abbia determinato l'impossibilità della prestazione lavorativa. Lo ha stabilito la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sentenza n.16141 del 15 novembre 2002) precisando che la sola ineseguibilità dell?attività svolta dal prestatore di lavoro non esclude la possibilità ?di adibire il lavoratore ad una diversa attività, riconducibile - alla stregua di un'interpretazione del contratto secondo buona fede - alle mansioni attualmente assegnate o a quelle equivalenti (art. 2103, cod. civ.), ovvero, se ciò sia impossibile, a mansioni inferiori, purché tale diversa attività sia utilizzabile nell'impresa, senza alterazione dell'assetto organizzativo della medesima?. Grava sul datore di lavoro, dunque, l?onere di dimostrare la sussistenza del giustificato motivo di recesso e di provare, quindi, le attività svolte all?interno dell?impresa e l'impossibilità di assegnarvi il lavoratore senza alterare l'organizzazione tecnica e produttiva. Allo stesso tempo, chiarisce la Corte, il lavoratore che impugna il licenziamento giustificato con la sua inidoneità fisica, è tenuto a manifestare la propria volontà di essere assegnato ad attività diverse, allegando la propria idoneità fisica a svolgimerle.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/12/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF