Sei in: Home » Articoli

E se il cane del vicino non ci lascia dormire?

Si può perseguire penalmente il padrone che non impedisce gli strepiti dell?animale a norma dell?art. 659 c.p. La Cassazione, con sentenza n. 35234/01, ha però precisato che le manifestazioni sonore tipiche dell?animale assumono connotazioni di illiceità solo quando eccedono i limiti della normale tollerabilità e realizzano potenziale offesa alla quiete di una collettività indifferenziata di persone. Con specifico riferimento al latrare dei cani, la Suprema Corte ha stabilito che il fatto penalmente rilevante è quello di non impedire all?animale non già di abbaiare, ma di farlo in maniera smodata e in orari tali da disturbare la tranquillità e il riposo di una collettività di persone, come ad esempio gli abitanti di un condominio.
(11/12/2001 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
In evidenza oggi
Divorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altroDivorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altro
Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema CorteCome si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF