Sei in: Home » Articoli

Cassazione: lamentele scritte al legale da parte del cliente? Sono lecite, a condizione che siano vere

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 13089/2008) ha stabilito che è lecito per il cliente rivolgere delle lamentele al proprio (e ciò anche se fatte per iscritto), a condizione che dette critiche abbiano un fondamento di verità.
Gli Ermellini, hanno quindi chiarito che, in difetto, si rischia una condanna per diffamazione. In particolare, la Corte ha precisato che non commette reato chi espone le proprie lamentele nei confronti di un professionista quando le espressioni utilizzate non sono di per sé munite di inequivocabile potenzialità offensiva e quindi non rivestano carattere lesivo dell'onore, del decoro e della reputazione del soggetto cui sono destinati.
Inoltre, osserva la Corte, per non incorrere nel reato, le lamentele debbono essere contenute nei limiti del diritto di critica "tenendo presente che quando questo consiste nella attribuzione di un fatto determinato è necessario che sussista il requisito della verità del fatto riferito e criticato".
La Corte ha infine precisato che sia per il reato di ingiuria sia per quello di diffamazione, occorre la sussistenza del dolo generico "vale a dire nella coscienza e volontà di ricorrere all'uso di parole od espressioni socialmente interpretabili come offensive, non rilevando le intenzioni dell'agente".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/04/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Niente stupro se la vittima dice basta ma non urla
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Negoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invitoNegoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invito
Se Equitalia sbaglia paga spese e danniSe Equitalia sbaglia paga spese e danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF