Sei in: Home » Articoli

Corte Costituzionale reclamabile il decreto di rigetto dell'istanza di chiusura del fallimento

La Corte Costituzionale ha dichiarato l?illegittimità costituzionale dell?art. 119 della Legge Fallimentare, nella parte in cui esclude la reclamabilità dinanzi alla Corte d?appello del decreto di rigetto dell?istanza di chiusura del fallimento. Secondo la Consulta, infatti, non vi è equivalenza, quanto a qualità della tutela giurisdizionale, tra riproponibilità dell?istanza al medesimo giudice che già l?abbia respinta e reclamabilità davanti ad altro giudice, ed è pertanto evidente come il diniego dell?esperibilità del reclamo si risolva, per chi abbia visto respingere la sua istanza di chiusura, in un trattamento ingiustificatamente deteriore rispetto a quello riservato a chi si opponga al decreto di chiusura.
Non essendo qualitativamente diversi ? e, quindi, suscettibili di diversa protezione ? gli interessi di chi insta per la chiusura del fallimento e di chi ad essa si oppone, l?irreclamabilità del decreto di rigetto dell?istanza viola sia l?art. 3, per l?irrazionalità del diverso trattamento riservato a situazioni soggettive speculari ma meritevoli di paritaria considerazione, sia l?art. 24 Cost., per la compressione degli strumenti di tutela giurisdizionale delle ragioni di chi ha interesse alla chiusura del fallimento (Corte Costituzionale, Sentenza 28 novembre 2002, n.493).
Leggi il provvedimento su www.filodiritto.com
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/12/2002 - www.filodiritto.com)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF