Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non diffamazione smontare il super ego dei medici

Non reato smontare il super ego di certi professionisti. E' quanto afferma la Corte di Cassazione ricordando che "la reputazione non si identifica con la considerazione che ciascuno ha di se' o con il mero amor proprio". La Corte ha cos bocciato il ricorso di un noto ginecologo, che si era sentito diffamato da un articolo pubblicato su un noto quotidiano e nel quale era stato definito come "pigro di penna avendo pubblicato lo stretto necessario e mai su riviste scientifiche quotate". Secondo la Corte (sentenza 10724/2008) una simile affermazione non costiuisce altro che l'esercizio del legittimo diritto di critica e non viola nemmeno "il limite della continenza poiche' lo scritto rispecchia il metodo pungente e mordace dell'informazione giornalistica, che per colpire l'attenzione dei lettori non puo' adoperare il linguaggio incolore della Gazzetta Ufficiale". In primo grado i giudici di merito si erano pronunciati in senso diametralmente opposto, tanto che il Tribunale di MIlano aveva condannato per diffamazione a mezzo stampa il direttore e l'autore dell'articolo.
L'assoluzione giunta prima in appello e poi confermata dalla Cassazione. La V sezione penale nel respingere il ricorso del professionista ha ricordato che "la notizia offerta dal quotidiano e' vera, dal momento che come chiarito dalla corte di merito, la produzione scientifica del dottor [...] non e' copiosa e che i suoi contributi pubblicati sull'autorevole 'The Lancet' sono due e risalgono al 1990 e al 1992". Nella motivazione la Corte sottolinea inoltre che "la reputazione non si identifica con la considerazione (talvolta ombrosa) che ciascuno ha di se' con il mero amor proprio, ma con il senso di dignita' personale in conformita' all'opinione del gruppo sociale, secondo il particolare contesto storico e che il diritto all'identita' personale non implica la pretesa di una costante corrispondenza tra la narrazione di fatti riferiti ad una determinata persona e l'idea che la stessa ha del proprio io, giacche' altrimenti verrebbe preclusa la possibilita' di esercizio del legittimo diritto di critica". Il reato di diffamazione, conclude la Corte si configura soltanto se viene lesa la reputazione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/03/2008 - Roberto Cataldi)
Le pi lette:
» Avvocati: redditi sempre pi bassi, allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi pi cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF