Sei in: Home » Articoli

Agenzia Entrate: test obbligato Irap per le società non operative

L'Agenzia delle Entrate (Circolare 21/E dello scorso 17 marzo), ha chiarito che la nuova base imponibile Irap (prevista nella Finanziaria 2008) non comporta alcun cambiamento della disciplina delle società di comodo, che dunque continua ad applicarsi nonostante i cambiamenti.
Pertanto, sia nel caso in cui le società non operative dichiarino un reddito Ires superiore a quello minimo presunto sia in quello in cui le stesse abbiano ottenuto l'accoglimento dell'istanza per la disapplicazione parziale della disciplina sulle società di comodo con effetto ai soli fini delle imposte sui redditi, si dovrà dichiarare obbligatoriamente un valore della produzione non inferiore a quello minimo incrementato delle componenti normalmente non deducibili dalla base Irap.
Infine, nel provvedimento, l'Agenzia precisa che la possibilità di accedere allo scioglimento agevolato (applicazione di aliquote d'imposta sostitutive meno onerose rispetto a quelle previste dalla scorsa Finanziaria) è subordinata alla circostanza che la società abbia deliberato lo scioglimento o trasformazione nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2008 e il 31 maggio 2008.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/03/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Commette reato per il praticante che si spaccia per avvocato
In evidenza oggi.
Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
Lavoro: la pausa caffè non è reato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF