Sei in: Home » Articoli

L'insegnante non può dimettersi dal proprio incarico se l'alunno è difficile

La Corte di Cassazione, sezione lavoro, con la sentenza del 5 dicembre 2007, n° 1988/2008, ha rigettato il ricorso di un insegnante, ritendo senza giusta causa le dimissioni dal proprio incarico: “in classe erano presenti studenti troppo difficili che non permettevano il normale svolgimento delle lezioni”. Il Tribunale di Firenze ritenne fondato l'assunto del docente, costretto a dimettersi a causa della condotta di uno studente, fonte di turbativa delle lezioni scolastiche ed anche fonte di pericolo per sé e per gli altri. La mancanza di regole da parte del ragazzo, era considerata normale dalla psicologa e dagli altri docenti perché l'alunno fino a cinque anni era vissuto in una favela brasiliana, in condizioni di disagio e di abbandono.
Il consiglio di classe riteneva che l'alunno avesse bisogno di un periodo di inserimento nella nuova classe; ma tra la metà di settembre....
Cassazione, sezione lavoro, sentenza del 5.12.2007, n° 1988/2008 - Cesira Cruciani
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/03/2008 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
» Divorzio: le tre vie per dirsi addio
» Whatsapp può spiare le chat private: l'allarme degli esperti
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF