Sei in: Home » Articoli

Consumi: 7mila controlli dalla task force anti-speculazione

La struttura promossa dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e dal Ministero dello Sviluppo Economico, dopo più di 7mila ispezioni ha tracciato un bilancio da cui emerge che non vi sono state speculazioni nei settori cerealicolo e lattiero dove i rincari sono dovuti essenzialmente ai maggiori costi delle materie prime. Nel corso delle ispezioni però sono emerse numerose infrazioni sia in ordine alla trasparenza dei prezzi sia in ordine al rispetto delle norme igienico-sanitarie. E' stato il Ministro Paolo De Castro a fornire questi dati nel corso di una conferenza stampa. Tra le oltre 700 infrazioni rilevate, la maggior parte dei casi riguarda il settore della vendita al dettaglio. Il Ministro nella sua dichiarazione ha precisato che “La creazione della task force interministeriale ha dimostrato la propria validità: l'intervento rapido e coordinato delle istituzioni ha prodotto risultati sia in termini di trasparenza e certezza per consumatori e imprese, sia in termini di effetto preventivo e deterrente di comportamenti speculativi.
Il Piano di azione, inoltre, ha senz'altro contribuito a far sì che l'indice dei prezzi al consumo dei prodotti alimentari in Italia, seppur in crescita, sia aumentato in misura minore rispetto alla media dei Paesi comunitari”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/02/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF