Sei in: Home » Articoli

Privacy: chiarimento in tema di Fidelity card

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter del 5 febbraio scorso) ha reso noto di essere intervenuto nella questione relativa alla Fidelity Card e di aver vietato l'utilizzo dei dati trattati in modo illecito a quattro societÓ che operano nella grande distribuzione.
Il Garante ha quindi osservato che in questo settore sono state riscontrate molte irregolarit: sono troppi i dati raccolti per i programmi di fidelizzazione, i moduli sono sempre poco chiari, le informazioni spesso incomplete e ha verificato una certa impossibilitÓ di esprimere liberamente il consenso per i trattamenti di dati a fini di marketing.
L'AutoritÓ Garante ha quindi stabilito che gli operatori delle societÓ per cui Ŕ scattato il divieto, dovranno riformulare l'informativa (cartacea e on line), specificando quali dati sia obbligatorio indicare al momento dell'adesione al progetto e quali invece siano solo facoltativi.
Inoltre, sempre secondo le indicazioni date dal Garante, tali societÓ dovranno precisare i diritti (di accesso, rettifica, cancellazione) che la normativa riconosce, chiarire che il consenso per autorizzare l'uso dei dati per altre finalitÓ (marketing, profilazione) Ŕ libero, dovranno mettere il consumatore in condizione di poter scegliere liberamente se e quali trattamenti di dati autorizzare.
(13/02/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'Ŕ il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: Ŕ boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'Ŕ e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa Ŕ incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa Ŕ incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: Ŕ reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: Ŕ reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF