Sei in: Home » Articoli

Consulta diritto dell'ex coniuge al tfr solo se maturato dopo presentazione domanda divorzio

La Corte Costituzionale ha avallato l'orientamento affermatosi nelle corti di merito e di legittimità in relazione al diritto dell'ex coniuge al percepimento di una quota del tfr del consorte (articolo 12bis, primo comma, della legge 898/70). Secondo tale orientamento, il diritto del coniuge non passato a nuove nozze e titolare di assegno divorzile ad una quota del trattamento di fine rapporto percepito dall?altro coniuge matura solo qualora detto trattamento non sia maturato prima della proposizione della domanda introduttiva del giudizio di divorzio (Corte Costituzionale, 19 novembre 2002, n.463 - Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio - Coniuge non passato a nuove nozze e titolare dell'assegno divorzile - Diritto ad una quota di tfr dell'ex consorte - Maturazione del diritto dopo la proposizione della domanda giudiziale di divorzio - Legittimità orientamento giurisprudenziale).
Leggi il provvedimento su www.filodiritto.com
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/11/2002 - www.filodiritto.com)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF