Sei in: Home » Articoli

Presto in Italia una Banca Dati contro la Pedofilia

Presto in Italia sarà disponibile una banca dati contenente informazioni sul fenomeno pedofilia nel nostro paese. I Ministri delle Politiche per la Famiglia, dell'Interno, della Giustizia e per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione hanno infatti sottoscritto i protocolli d'intesa per la creazione di questo nuovo strumento di monitoaraggio e di contrasto degli abusi sui minori. La Banca dati - spiega il ministro Rosy Bindi "sarà una struttura di eccellenza nella vigilanza e per il contrasto su questo odioso fenomeno e ci permetterà si svolgere un ruolo di primo piano, non solo nazionale, nella difesa dei diritti dell'infanzia."
Il Ministro delle Politiche per la Famiglia in un comunicato stampa spiega che con tale accordo "i Ministri si impegnano a intraprendere gli interventi necessari per la progettazione, la costituzione e la gestione della Banca Dati, che una volta a regime costituirà una fonte autorevole e scientificamente attendibile di dati completi e confrontabili. La Banca Dati rientra tra le finalità dell'Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile, cui spetta il compito di studiare e monitorare il fenomeno degli abusi sui minori per garantire un'azione di prevenzione e repressione più efficace da parte delle Istituzioni".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/12/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF