Sei in: Home » Articoli

Presto in Italia una Banca Dati contro la Pedofilia

Presto in Italia sarą disponibile una banca dati contenente informazioni sul fenomeno pedofilia nel nostro paese. I Ministri delle Politiche per la Famiglia, dell'Interno, della Giustizia e per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione hanno infatti sottoscritto i protocolli d'intesa per la creazione di questo nuovo strumento di monitoaraggio e di contrasto degli abusi sui minori. La Banca dati - spiega il ministro Rosy Bindi "sarą una struttura di eccellenza nella vigilanza e per il contrasto su questo odioso fenomeno e ci permetterą si svolgere un ruolo di primo piano, non solo nazionale, nella difesa dei diritti dell'infanzia."
Il Ministro delle Politiche per la Famiglia in un comunicato stampa spiega che con tale accordo "i Ministri si impegnano a intraprendere gli interventi necessari per la progettazione, la costituzione e la gestione della Banca Dati, che una volta a regime costituirą una fonte autorevole e scientificamente attendibile di dati completi e confrontabili. La Banca Dati rientra tra le finalitą dell'Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile, cui spetta il compito di studiare e monitorare il fenomeno degli abusi sui minori per garantire un'azione di prevenzione e repressione pił efficace da parte delle Istituzioni".
(26/12/2007 - Roberto Cataldi)
Le pił lette:
» Processo civile: l'opposizione all'esecuzione
» Processo civile: l'opposizione agli atti esecutivi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» I figli devono garantire assistenza morale e materiale ai genitori anziani
» Carta identitą elettronica: come richiederla
In evidenza oggi
Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimonialiDivorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF