Sei in: Home » Articoli

Tribunale Palermo: contratto prestazione opera professionale

L'apposizione di un breve termine ad un contratto di prestazione d'opera intellettuale complessa integra "una deroga pattizia alla facoltà di recesso" disciplinata dall'art.2237 c.c., fatta salva sempre la possibilità di recesso per giusta causa.
La sentenza del Tribunale di Palermo (n. 3770/2007) affronta la questione relativa alla possibilità di recesso ad nutum del committente da un contratto di prestazione di opera intellettuale complessa nel quale le parti avevano pattuito un breve termine di durata. In particolare, si trattava di un contratto triennale di consulenza di marketing in favore di una società appena costituita. Il Tribunale ha sottolineato che, nella fattispecie, il contratto prevedeva una prestazione d'opera intellettuale complessa (consulenza di marketing iniziale) che necessitava di un lasso di tempo minimo ragionevole. Il Tribunale ha evidenziato che la durata triennale del contratto poteva considerarsi ragionevole per consentire al consulente di rendere la complessa prestazione d'opera intellettuale concordata, ma che ciò esigeva la stabilità del rapporto durante l'intera vigenza triennale del contratto stesso. Da tali elementi (complessità della prestazione di consulenza, notevole brevità della durata del contratto e conseguente esigenza di stabilità dello stesso), il Tribunale ha correttamente desunto in via interpretativa che i contraenti avessero inteso escludere qualsiasi possibilità di recesso ad nutum. Talchè deve ritenersi che l'apposizione del termine al contratto abbia integrato “una deroga pattizia alla facoltà di recesso” disciplinata dall'art.2237 c.c., fatta salva sempre la possibilità di recesso per giusta causa, che però, nel caso di specie, è stata esclusa dall'enorme incremento di fatturato e l'esponenziale sviluppo economico della società committente negli anni di riferimento.
Avv. Francesco Bianchini
Vedi allegato
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/12/2007 - Francesco Bianchini)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF