Sei in: Home » Articoli

Cassazione: lavoratore dice al datore di avere altro lavoro? Equivale a dimettersi

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. 25262/07) ha stabilito che è legittimo il licenziamento del lavoratore che abbia dichiarato al proprio datore di lavoro di volersene andare perché ha trovato un nuovo posto di lavoro.
I Giudici del Palazzaccio hanno infatti ritenuto che detta frase pronunciata dal lavoratore (che nel caso di specie aveva testualmente dichiarato di volersene andare "perché aveva trovato un altro posto di lavoro"), ha significato di vere e proprie dimissioni e ciò anche se proferite verbalmente.
Nel caso di specie, inoltre la Corte ha osservato che tra le parti (lavoratore e datore di lavoro) non vi era un contrasto e la frase è stata pronunciata dal lavoratore in un giorno in cui lo stesso non aveva neanche ricevuto alcun rimprovero da parte del datore di lavoro mentre fu lui stesso a lamentarsi dei metodi lavorativi dei suoi colleghi. .
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/12/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF