Sei in: Home » Articoli

Non prima del 2009 la Class Action europea

Si dovrà attendere il 2009 prima che i consumatori europei possano beneficiare della Class Action in "versione europa" I primi a potersi avvalere di questo strumento potrebbero essere coloro che intendono promuovere azioni di risarcimento danni per violazione delle norme antitrust comunitarie. Il modello intorno al quale si starebbe orientando Bruxelles prende il nome di 'Collective Redress' e segnrerebbe un punto di forte rottura con il modello di class action system (tipico di Australia, Canada e Stati Uniti) che permette di estendere le tutele riconosciute al primo soggetto (lead plaintifis) a tutti gli appartenenti alla medesima categoria.
Il sistema europeo vorrebbe prevedere che chiunque abbia subito un danno possa promuovere la propria azione e possa essere risarcito solo se lo fa. Bruxelles dovrà decidere se promuovere la creazione del sistema di Collective Redress in tutti i Ventisette paesi membri o se estendere un modello particolare solo dopo la presentazione dei risultati di uno studio sui punti di forza e le debolezze dei sistemi adottati in alcuni stati europei.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/12/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF