Sei in: Home » Articoli

Filiazione naturale: la prova della paternità o della maternità

Il rifiuto a sottoporsi, senza giustificato motivo, agli esami ematologici, può costituire un elemento di prova nel procedimento giudiziale diretto ad accertare la paternità o la maternità naturale. Lo ha deciso la Corte di Cassazione (sent. n. 13766 del 07/11/2001) argomentando che detti esami non violano il diritto alla riservatezza di cui alla legge 675 del 1996 "tenuto conto sia del fatto che l'uso dei dati nell'ambito del giudizio non può che essere rivolto a fini giustizia, sia del fatto che il sanitario chiamato dal giudice a compiere l'accertamento è tenuto tanto al segreto professionale che al rispetto della legge anzidetta".
(06/12/2001 - Avv.Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Stalking: reato cancellato con i soldi … anche se la vittima non vuole
» Usucapione: il possesso dei genitori si trasmette ai figli
» Multe non pagate? Niente passaporto
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reatoAvvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo