Sei in: Home » Articoli

Cassazione: falso professionista? Scattano le manette anche se le prestazioni sono gratuite

Giro di vite della Cassazione contro chi esercita abusivamente una professione. E questo anche se le prestazioni sono gratuite. La Corte, infatti, con la sentenza 42790/2007 ha stretto le maglie contro i falsi professionisti lanciando un monito chiaro: commette reato chi non avendone titolo esercita un'attività che non gli compete. E ciò anche se questo si verifica per un solo giorno e senza ricavo alcuno. Ai fini della configurabilita' del delitto di esercizio abusivo di una professione - spiega la Corte - "non e' necessario il compimento di una serie di atti, ma e' sufficiente il compimento di un'unica ed isolata prestazione riservata ad una professione per la quale sia richiesta una speciale abilitazione, mentre non rileva la mancanza di scopo di lucro nell'autore o l'eventuale consenso del destinatario della prestazione, in quanto l'interesse leso, essendo di carattere pubblico, e' indisponibile".
E' stata così accolta la tesi della Procura generale presso la Corte d'Appello di Firenze che aveva proposto ricorso contro una sentenza che aveva prosciolto (dal reato previsto dall'art. 348 c.p. ) un 60enne che aveva svolto per una sola giornata un'attivita' di tipo ragionieristico per un amico e in forma completamente gratuita. L'uomo però non era iscritto all'albo professionale e questo è bastato per far configurare una ipotesi di reato.
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/11/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF