Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la coltivazione domestica di canapa non è reato se non assume livelli imprenditoriali

Tornando ancora una volta ad ocuparsi delle ipotesi di mini coltivazione domestica della canapa, la Corte di Cassazione (sentenza 40362/2007) ha ribadito che detta coltivazione non costituisce reato se "non si sostanzia nella coltivazione in senso tecnico-agrario ovvero imprenditoriale". E ciò, spiega la Corte, "per l'assenza di alcuni presupposti, quali la disponibilita' del terreno, la sua preparazione, la semina, il governo dello sviluppo delle piante, la disponibilita' di locali per la raccolta dei prodotti" Secondo i Giudici di Piazza Cavour, in caso di coltivazione domestica, "occorre verificare se, nella concreta vicenda, essa sia destinata ad un uso esclusivamente personale del coltivato"".
Altre informazioni su questa sentenza
(01/11/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Divorzio finto per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
» Legge 104: nuove regole per chiedere i permessi
In evidenza oggi
Processo tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagareProcesso tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagare
Addio, Professore!Addio, Professore!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo