Sei in: Home » Articoli

Rivista giuridica del lavoro e della previdenza sociale n.3-2007. IMMIGRAZIONE E LAVORO

IMMIGRAZIONE E LAVORO Un'analisi comparata e comunitaria Il tema centrale di questo numero della Rivista è rappresentato dal binomio lavoro e immigrazione. Il tema viene affrontato sia nella prospettiva comunitaria e di diritto comparato del lavoro, sia nella prospettiva del nostro ordinamento. Sotto il primo profilo, il contributo di Bruno Veneziani evidenzia come i punti di contatto fra le diverse esperienze nazionali (francese, spagnola, tedesca, britannica, belga e italiana) rendano ancora molto difficile prospettare un diritto comune nell'ambito dell'Unione europea in chiave non meramente repressiva del fenomeno migratorio. Sotto il secondo profilo, il contributo di Monica McBritton evidenzia come l'assetto normativo italiano neghi la natura strutturale del fenomeno e rimanga ancorato a una visione emergenziale sul (falso) presupposto di una permanenza provvisoria.
Tutto ciò porta inevitabilmente a produrre esclusione sociale, laddove invece sarebbero necessarie politiche di integrazione. Tra gli altri temi affrontati in questo fascicolo: i poteri delle Regioni in materia di lavoro e il ruolo potenziale dei diritti sociali fondamentali nel Trattato costituzionale dell'Unione che verrà. La sezione “Giurisprudenza” dà risalto a due recenti sentenze della Corte Costituzionale, nn. 21 e 24 del 2007, che offrono una opportunità di riflessione in ordine al concorso di competenze (esclusiva dello Stato, concorrente tra Stato e Regioni, ed esclusiva della Regione) in materia di apprendistato professionalizzante. Ospita quindi tre importanti sentenze della Corte di Cassazione. Le Sezioni Unite risolvono un contrasto di giurisprudenza in tema di clausole collettive di fungibilità tra mansioni; la Sezione lavoro esclude l'applicabilità del procedimento ex art. 420 bis c.p.c. nel giudizio d'appello; ancora la Sezione lavoro ritorna alla vecchia concezione del dirigente come “alter ego” del datore di lavoro, con conseguente applicazione della tutela “reale” ex art. 18 dello Statuto al dirigente convenzionale illegittimamente licenziato.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/11/2007 - www.ediesseonline.it)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF