Sei in: Home » Articoli

Cassazione: illegittima la requisizione di alloggi popolari per gli sfrattati

Benché non costituisca un abuso d'ufficio, deve considerarsi illegittima la requisizione di case popolari per gli sfrattati. E' quanto emerge da una sentenza della Corte di Cassazione: la numero 38259 del 16 ottobre scorso. In una nota il Presidente della Suprema Corte, Vincenzo Carbone, esclude "che sussista l'elemento soggettivo del delitto di abuso d'ufficio nell'azione con la quale il presidente di un municipio abbia requisito case di abitazione per fare fronte alle esigenze abitative di famiglie colpite da un provvedimento di sfratto, riconoscendo che il perseuimento di una soluzione abitativa per le famiglie prive di casa risponde a una esigenza sociale di valore primario". Ciò nonostante il provvedimento risulta illegittimo "anche se adottato dal sindaco, in quanto la competenza spetta al prefetto e la situazione dei soggetti sfrattati non riveste il carattere di eccezionalita' ed imprevedibilita' che giustifica i provvedimenti di requisizione che possono adottarsi solo per la salvaguardia di un interesse pubblico che altrimenti potrebbe essere irrimediabilmente compromessa". Del resto la stessa Corte di Cassazoine con una sentenza del 9 ottobre scorso (n.37139) aveva già stabilito che lo stato di bisogno non giustifica l'occupazione di un alloggio di proprieta' dell'Istituto Autonomo Case Popolari giacché "rispondendo all'attivita' di edilizia pubblica alla funzione sociale di tutelare il bene primario dell'abitazione per chi si trovi in condizioni di specifico e definito disagio, il cardine della relativa disciplina poggia sull'inderogabile principio che l'assegnazione degli alloggi deve avvenire secondo criteri prefissati dagli organismi pubblici e da questi verificati attraverso idonee procedure, sicche' nessuna rilevanza puo' avere l'arbitrio del singolo, pur bisognoso". Neppure una eventuale acquiescenza dell'ente proprietario può escludere l'arbitrarietà dell'occupazione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/10/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF