Sei in: Home » Articoli

Cassazione: condanna penale del lavoratore? Incongruo il licenziamento se non è ancora passata in giudicato

La Corte di Cassazione (Sent. n. 20159/2007) ha stabilito che il datore di lavoro non può intimare il licenziamento al lavoratore alle sue dipendente condannato penalmente in primo grado, fin quando la sentenza di condanna non passi in giudicato.
Precisano infatti gli Ermellini che quand'anche la condanna sia di per sé sufficiente a determinare la crisi e il venir meno del rapporto di fiducia intercorrente tra datore di lavoro e lavoratore (e quindi a legittimare il recesso), occorre che la sentenza (che stabilisce per l'appunto la condanna del lavoratore), passi in giudicato.
Solo in questo caso, secondo la Corte, può trovare applicazione il disposto dell'art. 153 del CCNL che prevede la risoluzione di diritto del rapporto di lavoro in presenza di una condanna penale inerente a reato commesso dal lavoratore nei riguardi del datore di lavoro o in servizio.
(29/10/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Guide Legali: L'incaricato di un pubblico servizio
In evidenza oggi
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittimeViolenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF