Sei in: Home » Articoli

Cassazione: condanna penale del lavoratore? Incongruo il licenziamento se non è ancora passata in giudicato

La Corte di Cassazione (Sent. n. 20159/2007) ha stabilito che il datore di lavoro non può intimare il licenziamento al lavoratore alle sue dipendente condannato penalmente in primo grado, fin quando la sentenza di condanna non passi in giudicato.
Precisano infatti gli Ermellini che quand'anche la condanna sia di per sé sufficiente a determinare la crisi e il venir meno del rapporto di fiducia intercorrente tra datore di lavoro e lavoratore (e quindi a legittimare il recesso), occorre che la sentenza (che stabilisce per l'appunto la condanna del lavoratore), passi in giudicato.
Solo in questo caso, secondo la Corte, può trovare applicazione il disposto dell'art. 153 del CCNL che prevede la risoluzione di diritto del rapporto di lavoro in presenza di una condanna penale inerente a reato commesso dal lavoratore nei riguardi del datore di lavoro o in servizio.
(29/10/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF