Sei in: Home » Articoli

Cassazione: condanna penale del lavoratore? Incongruo il licenziamento se non è ancora passata in giudicato

La Corte di Cassazione (Sent. n. 20159/2007) ha stabilito che il datore di lavoro non può intimare il licenziamento al lavoratore alle sue dipendente condannato penalmente in primo grado, fin quando la sentenza di condanna non passi in giudicato.
Precisano infatti gli Ermellini che quand'anche la condanna sia di per sé sufficiente a determinare la crisi e il venir meno del rapporto di fiducia intercorrente tra datore di lavoro e lavoratore (e quindi a legittimare il recesso), occorre che la sentenza (che stabilisce per l'appunto la condanna del lavoratore), passi in giudicato.
Solo in questo caso, secondo la Corte, può trovare applicazione il disposto dell'art. 153 del CCNL che prevede la risoluzione di diritto del rapporto di lavoro in presenza di una condanna penale inerente a reato commesso dal lavoratore nei riguardi del datore di lavoro o in servizio.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/10/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF