Sei in: Home » Articoli

Cassazione: scattano le manette per chi sfugge all'alt dei Carabinieri

D'ora in avanti per chi tenta di sfuggire ai posti di blocco delle Forze dell'Ordine rischia di finire in carcere con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale. La Corte di Cassazione, infatti, ha annullato una sentenza del GIP di Palermo che aveva dichiarato il non luogo a procedere nei confronti di un ventenne "reo" di non aver rispettato l'Alt intimatogli da una pattuglia di Carabinieri mentre era in sella al suo motorino.
Secondo l'accusa, il ragazzo sarebbe fuggito "ad altissima velocità per le strade strette del centro storico, ponendo così in pericolo l'incolumità dei militari e degli utenti della strada".
Il GIP di Palermo non aveva ritenuto sussistere il reato di resistenza a pubblico ufficiale visto che il giovane non aveva avuto una condotta violenta. Il Procuratore della Repubblica si era però opposto alla decisione del GIP sostenendo che per il reato di resistenza non c'è bisogno di una violenza o minaccia diretta con il pubblico ufficiale.
Con la Sentenza 35826/2007 la Suprema Corte ha accolto il ricorso del Procuratore spiegando che ''ad integrare l'elemento materiale del delitto in esame e' sufficiente la violenza o la minaccia cosiddetta impropria, che può essere esercitata anche su persona diversa dal pubblico ufficiale operante o sulle cose e che comprende ogni comportamento idoneo ad impedire, a ostacolare o a frustrare l'esplicazione della pubblica funzione”.
Altre informazioni su questa sentenza
(05/10/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF