Sei in: Home » Articoli

Cassazione: neppure tra moglie e marito vi è il diritto all'amplesso

Neppure all'interno di una coppia "regolarmente" sposata, si può rivendicare il diritto a prestazioni sessuali. Imporre un amplesso quindi è sempre violenza sessuale.
E' quanto ricorda la Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 35408/2007) che ha così confermato la condanna a 4 anni di reclusione nei confronti di un "esuberante" marito che aveva più volte costretto la moglie a subire rapporti sessuali contro la sua volontà.
Secondo gli Ermellini, si deve considerare violenza sessuale "qualsiasi forma di costringimento psico-fisico idonea ad incidere sull'altrui libertà di autodeterminazione, a nulla rilevando l'esistenza di un rapporto di coppia coniugale o paraconiugale tra le parti". Nel caso esaminato dalla Corte l'apparente assenso al rapporto era dovuto al fatto che la donna "non aveva altra scelta che tentare di assecondarlo volta per volta, evitando di suscitare in lui ulteriori occasioni di ira gia' avutesi in passato".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/09/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Lavoro: statali, arriva la stretta su malattie e permessi
» Mantenimento: al via l'aiuto di Stato per l'assegno all'ex
» Animali in casa: tutte le agevolazioni fiscali
» Permessi 104: il dipendente può essere pedinato
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF