Sei in: Home » Articoli

Dichiarazioni rese dall?indagato in un procedimento connesso

Le dichiarazioni rese da un indagato in un procedimento connesso, su fatti che concernono la responsabilitÓ di altre persone, e che siano state assunte senza le garanzie di cui all?art. 64 terzo comma c.p.p. non sono utilizzabili contro altri in sede cautelare. Lo ha stabilito la terza Sezione penale della Corte di Cassazione (sent. del 23/9/2002) precisando che, tali dichiarazioni, non possono essere utilizzate ?ai fini della valutazione della sussistenza dei gravi indizi, ai sensi dell?art. 273 primo comma c.p.p.?
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/11/2002 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Il giudice pu˛ perquisire la borsa dell'avvocato
In evidenza oggi.
Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
Avvocati sans papier: nessuna incompatibilitÓ
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF