Sei in: Home » Articoli

Medici universitari: in tema di deroga per l'attività libero professionale intramuraria

L'appellante ha proposto ricorso innanzi al TAR Lazio per l'accertamento del suo diritto, in quanto docente universitario della Facoltà di Medicina e Chirurgia, a vedersi garantita l'applicazione della normativa vigente sull'ordinamento universitario, quale risulta dal D.P.R. n. 382 del 1980 e dalle ulteriori disposizioni legislative intervenute, in tema di esercizio dell'attività istituzionale di didattica e ricerca, direzione delle strutture assistenziali, attività libero professionale e regime di impegno a tempo pieno e definito. Ciò in violazione alle intervenute disposizioni dei DD.lgs. nn. 229 del 1999 e 517 del 1999, nonché per l'annullamento della comunicazione n. G104525 del 23 febbraio 2000, a firma del Rettore dell'Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, recante “opzione attività libero-professionale”, previa devoluzione alla Corte costituzionale delle questioni di legittimità costituzionale delle disposizioni dei DD.L.vo nn. 229 del 1999 e 517 del 1999, nonché sospensione, medio tempere, dell'efficacia dei provvedimenti emanati e/o emanandi dall'Ateneo, ancorché al momento non conosciuti, immediatamente e pedissequamente applicativi dei citati DD.lgs. nn. 229 del 1999 e 517 del 1999, ove adottati nei termini preventivamente censurati nel presente ricorso in quanto viziati da illegittimità costituzionale.....
Consiglio di Stato, Sentenza 7.8.2007 n. 4387
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/09/2007 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF