Sei in: Home » Articoli

Ex-moglie va in pensione o si dimette? Assume rilievo per riconoscere mantenimento originariamente negato

Con sentenza n. 5378/2006 la S.C. ha già affrontato il problema della revisione delle disposizioni sull'assegno di divorzio per giustificati motivi (ai sensi dell'art. 9 della legge n. 898 del 1970) in relazione peggioramento delle condizioni economiche dell'obbligato nell'ipotesi in cui esse siano conseguenza di una sua libera scelta riguardo all'oggetto ed alle modalità di svolgimento della propria attività lavorativa (quali, ad esempio, quella di dismettere la precedente attività professionale per intraprenderne altra meno redditizia, ma maggiormente rispondente alle proprie aspirazioni o meno usurante, ovvero quella di limitare l'entità del proprio impegno, optando per il lavoro a tempo parziale, in luogo di quello a tempo pieno, ovvero, ancora, quella, più radicale, di cessare la stessa attività professionale). Allineandosi all'orientamento delineato, la Cassazione....leggi tutto....
Visualizza il testo integrale della sentenza su MioLegale.it
(04/10/2007 - Miolegale.it)
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF