Sei in: Home » Articoli

Cassazione: infermiera aggredita da paziente? Ha diritto al risarcimento

"Il datore di lavoro, la cui attività consista tra l'altro nel trattamento e cura di pazienti oligofrenici, soggetti incapaci della sorveglianza dei quali egli è tenuto erga omnes ex art. 2047 c.c., è specificamente responsabile ex art. 2087 c.c. dell'infortunio sul lavoro subito dal personale sanitario per comportamenti aggressivi degli stessi pazienti ove non provi in positivo di aver adottato tutte le più idonee misure di prevenzione che, secondo la particolarità di tale attività, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro, non essendo sufficiente, per l'esonero da responsabilità, la mera prova dell'imprevedibilità del comportamento aggressivo del paziente".
È questo il principio ricavabile dalla lettura di una recente sentenza della Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (n. 17066/2007) con la quale i giudici hanno accolto il ricorso proposto da un'infermiera, aggredita da un paziente affetto da disturbi del comportamento all'interno del centro di igiene mentale presso il quale prestava servizio, e riconosciutole il diritto ad essere risarcita dei danni subiti, ovvero lesioni con postumi permanenti, da parte dell'Azienda, per non avere quest'ultima provato di aver adottato "tutte le misure di sicurezza e di prevenzione, quali protocolli di comportamento per il personale sanitario nel caso di stato di agitazione di tali pazienti, astrattamente idonee ad evitare danni ai lavoratori".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/09/2007 - Silvia Vagnoni)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF