Sei in: Home » Articoli

Salute: diminuisce in italia l'uso delle medicine alternative

Sulla base di un'indagine ISTAT (diffusa in questi gorni ma svolta nell'anno 2005), sull'utilizzo da parte degli italiani delle medicine alternative emerso che il ricorso alle terapie non convenzionali hanno registrato una battuta d'arresto. Se fra il '99 e il 2000, erano ben 9 milioni i connazionali che utilizzavano metodi di cura alternativi nel 2005 sono scesi a circa 7 milioni e 900 mila i cittadini che hanno scelto di affidarsi a queste terapie. La diminuzione e' stata maggiore tra gli uomini mentre risultato stabile il consumo tra i bambini e i ragazzi fino a 14 anni. L'omeopatia rimasta in ogni caso la terapia non convenzionale piu' diffusa che risulta utilizzata dal 7% della popolazione. Secondo l'indagine sono soprattutto donne a ricorrere maggiormente alle terapie non convenzionali. La differenza fra i sessi e' maggiore per il ricorso all'omeopatia e alla fitoterapia.
Meno per l'agopuntura. E a quanto pare le medicine alternative piacciono di pi ai laureati o a persone con un buon livello di cultura. Il 18,7% di laureati o diplomati ne ha fatto uso contro il 13,5% di chi ha solo la licenza media e il 9,2% di ha solo la licenza elementare.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/08/2007 - Roberto Cataldi)
Le pi lette:
» Il reato di violenza privata
» Cassazione: non presentarsi all'udienza remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Niente stupro se la vittima dice basta ma non urla
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Negoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invitoNegoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invito
Se Equitalia sbaglia paga spese e danniSe Equitalia sbaglia paga spese e danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF