Sei in: Home » Articoli

Nuova voce di danno risarcibile per il decesso di un figlio convivente

Il Tribunale di Treviso, con provvedimento del 7.8.01, ha apportato un interessante contributo al complesso dibattito apertosi negli ultimi anni in tema di risarcimento dei danni da fatto illecito. Secondo il Giudice Trevisano, il decesso di un figlio convivente a seguito di un incidente stradale comporterebbe una ingiusta menomazione della integrità famigliare risarcibile come danno alla vita di relazione, da tenere distinto sia dal danno morale derivante dalla sofferenza che provoca la morte del congiunto, sia dal danno biologico derivante dalle menomazioni fisiche e psichiche eziologicamente riconducibili al decesso del famigliare.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/11/2001 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF