Sei in: Home » Articoli

Minori: circa ottomila bambini sfruttati per l'accattonaggio

Il Presidente dell'Osservatorio Sociale, Luigi Camilloni, ha reso noto che sulle strade italiane ci sono più di ottomila bambini rom sfruttati per attività di accattonaggio. Il problema dell'utilizzo dei minori per generare profitti attraverso l'accattonaggio è emerso nel nostro paese sin dalla metà degli anni ottanta coninvolgendo minorenni di origine diversa. Spesso sono le stesse famiglie dei bambini ad affidarli nelle madi di organizzazioni criminali. ''Il sistematico impiego di bambini in tale attivita' - spiega il Presidente - li sottrae all'istruzione ed all'educazione, avviandoli di fatto ad un pericoloso futuro da delinquente.
Eppure la nota sentenza della Corte di Cassazione avrebbe dovuto far riflettere ma soprattutto far correre ai ripari. Nel Belgio la normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori prevede pene che variano dai sei mesi ai cinque anni di reclusione fino ai lavori forzati perpetui nei casi piu' gravi''.
(15/08/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuitiAvvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF