Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: detenuto ai domiciliari va su terrazzo condominiale? E' evasione

Il detenuto agli arresti domiciliari non può allontanarsi dalla sua abitazione neppure per stazionare per poco tempo sulla terrazza condominiale. E' quanto ha chiarito la Corte di Cassazione (sentenza n.30983/2007) annullando una sentenza, precedentemente resa dai giudici di merito, che aveva assolto un uomo (agli arresti domiciliari) che nel corso di un controllo della polizia giudiziaria era stato trovato sulla terrazza del condominio. I giudici di merito avevano motivato l'assoluzione sostenendo che stazionare sulla terrazza condominiale non denota una volonta' di sottrarsi al controllo stante anche la distanza limitata dalla propria abitazione. La Corte rovesciando il verdetto ha ora precisato che il reato di evasione sussiste per "ogni allontanamento abusivo ancorche' limitato nello spazio e nel tempo". Commette dunque reato di evasione, scrivono i giudici della Corte, ogni detenuto che, trovandosi in questa condizione, "se ne allontani anche per breve tempo, recandosi in luogo diverso da quello stabilito per l'esecuzione della misura alternativa.
Non si richiede, infatti, per l'integrazione del reato, un allontanamento definitivo o la mancanza dell''animus revertendi'". Nella sentenza i Giudici del palazzaccio ricordano che per "abitazione, individuata come luogo dove rimanere agli arresti, deve intendersi solo il luogo in cui la persona conduce la vita domestica e privata, con esclusione di ogni altra appartenenza (quali cortili, giardini, terrazze, aree condominiali) che non sia parte integrante o pertinenza esclusiva dell'abitazione medesima". Ciò perché è necessario consentire "in pari tempo un agevole e pronto controllo all'autorita' di polizia sulla reperibilita' degli imputati".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/08/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF