Sei in: Home » Articoli

Lo straniero ammesso al patrocinio a spese dello stato ha diritto alla nomina di un interprete.

Il diritto dell'accusato di farsi assistere gratuitamente da un interprete, se non comprende o non parla la lingua usata in udienza, oltre ad essere già da tempo riconosciuto in varie convenzioni internazionali, è altresì riconducibile alla garanzia costituzionale del diritto di difesa ed al diritto al giusto processo. Ai fini di un concreto ed effettivo esercizio del proprio diritto alla difesa, così come previsto dall'art. 24 della Costituzione, l'imputato deve infatti poter comprendere, nella lingua da lui conosciuta, il significato degli atti e delle attività processuali. Inoltre, secondo quanto previsto dall'art. 111 della Costituzione, la legge assicura che "la persona accusata di un reato [...] sia assistita da un interprete se non comprende o non parla la lingua impiegata nel processo". Sulla scorta di tali prinicipi, considerato che....leggi tutto....
Visualizza il testo integrale della sentenza su MioLegale.it
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/09/2007 - www.miolegale.it)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF