Sei in: Home » Articoli

Cassazione: danno da perdita del cavallo

"Pur ammettendo questa Corte (…) la tutela di situazioni soggettive costituzionalmente protette o legislativamente protette come figure tipiche di danno non patrimoniale, rientranti sotto l'ambito dello articolo 2059 del codice civile, costituzionalmente orientato, la perdita del cavallo (…), come animale da affezione, non sembra riconducibile sotto una fattispecie di un danno esistenziale consequenziale alla lesione di un interesse della persona umana alla conservazione di una sfera di integrità affettiva costituzionalmente protetta. La parte che domanda la tutela di tale danno, ha l'onere della prova sia per l'an che per il quantum debeatur, e non appare sufficiente la deduzione di un danno in re ipsa, con il generico riferimento alla perdita delle qualità della vita. Inoltre la specifica deduzione del danno esistenziale impedisce di considerare la perdita, sotto un profilo diverso del danno patrimoniale (già risarcito) o del danno morale soggettivo e transeunte".
È questo il principio espresso dalla Cassazione nella sentenza n. 14846/2007 con la quale la Suprema Corte è intervenuta sul caso di due coniugi che avevano agito in giudizio per chiedere la condanna al risarcimento di tutti i danni derivati loro a seguito di un incidente nel corso del quale era morto il cavallo di loro proprietà.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/08/2007 - Silvia Vagnoni)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF