Sei in: Home » Articoli

In libreria. Il consenso informato: difesa del medico e diritto del paziente

Nel volume, edito da Maggioli Editore, gli autori (Roberto Cataldi, Cristina Matricardi, Francesca Romanelli, Silvia Vagnoni, Valeria Zatti) affrontano con taglio operativo il tema del consenso informato.
L'opera, che costituisce un valido strumento per gli avvocati, i magistrati, i medici e le aziende u.s.l. che vogliano avere a disposizione un ampio quadro normativo, una giurisprudenza aggiornata ed un ricco formulario, analizza il rapporto medico-paziente e, nello specifico, il consenso alle cure mediche, sia sotto il profilo giuridico che deontologico.
Tra gli argomenti trattati si evidenziano: il testamento biologico, il consenso del minore con particolare attenzione alla figura dei genitori e dei tutori, il consenso in psichiatria e la problematica della capacità del paziente, il consenso nella chirurgia estetica, in otorinolaringoiatria, nella fecondazione assistita, nella donazione di organi, in oncologia, nei trattamenti di fine vita.
Il consenso, così ampiamente prospettato, viene poi ricondotto ad una disamina più specifica sotto il profilo dei requisiti di validità (forma e contenuto) e della tutela processuale sia in ambito civilistico che nelle diverse ipotesi di reato.
Allegato al volume vi è un CD ROM contenente la normativa, la giurisprudenza ed un formulario direttamente compilabile e stampabile.

Acquista il volume direttamente online

Gli autori del manuale
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/07/2007 - Lo staff)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF