Sei in: Home » Articoli

Le tutele contro il trasferimento del dirigente di RSA

Premesso e scontato l'obbligo datoriale al rispetto - per tutti indistintamente i lavoratori - dell'invarianza o dell'equivalenza delle mansioni ex art. 2103 c.c., in ogni mutamento di funzioni, ruolo o trasferimento, cui si aggiunge il divieto ex art. 15, lett. b) Statuto dei lavoratori di trattamenti discriminatori (trasferimento di rappresaglia incluso) in ragione dell'affiliazione o del ruolo sindacale rivestito, di seguito esaminiamo quali sono le garanzie legali avverso il trasferimento logistico del dirigente di r.s.a. nell'ambito delle articolazioni o unità produttive dell'azienda. Una delle questioni più controverse sul tema del «trasferimento dei dirigenti di r.s.a.
dall'unità produttiva» attiene alla nozione di «trasferimento» in correlazione inscindibile con il concetto di «unità produttiva». (Prof. Mario Meucci - www.laprevidenza.it)
Articolo del Prof. Mario Meucci - Giuslavorista
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/07/2007 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Lavoro: statali, arriva la stretta su malattie e permessi
» Mantenimento: al via l'aiuto di Stato per l'assegno all'ex
» Animali in casa: tutte le agevolazioni fiscali
» Permessi 104: il dipendente può essere pedinato
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF