Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il vigile sta facendo la multa? Può essere reato rivolgergli frasi minacciose

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 14659/2007) ha stabilito che intimidire il vigile al fine di evitare la contravvenzione può costare una condanna penale per resistenza a pubblico ufficiale. Gli Ermellini, nel caso di specie, hanno evidenziato che "la frase incriminata, a prescindere dai riflessi personali sulla persona del destinatario, ha contenuti oggettivamente idonei a rappresentare una ragionevole portata intimidatoria, direttamente collegata al compimento dell'atto di ufficio o servizio del p. u. e quindi nient'affatto equivocabile in punto di reale finalità realizzatrice di 'condotta positiva' di resistenza a p.u.". Con questa decisione la Corte ha confermato la condanna a quattro mesi di reclusione inflitta in secondo grado a un automobilista "reo" di essersi rivolto al vigile gli aveva appena fatto una multa, con frasi minacciose.
Leggi la sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/07/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF