Sei in: Home » Articoli

Giustizia: Camere Penali, occorre difesa d'ufficio competente e professionale

Nel corso di un recente Convegno sulla difesa d'ufficio l'Unione Penale delle Camere Italiane, ha sottoposto, alla presenza di un folto pubblico e di autorevoli rappresentati del mondo politico una proposta in relazione alle modalità di assegnazione degli incarichi per le difese d'ufficio.
"La nostra proposta, - spiega l'UCPI- vuole che l'incarico della difesa d'ufficio possa essere assegnato solamente a coloro che abbiano una specifica competenza in materia penale per arginare il fatto che gli incarichi di questo tipo siano un volano per un irragionevole aumento degli interessi nell'ordine".
E' necessario infatti, sottolineano di penalisti garantire ai cittadini che anche la difesa d'ufficio sia caratterizzata da professionalità e competenza.
Il Presidente dell'UCPI Oreste Dominioni ha sottolineato che "Il diritto a una difesa effettiva nel processo penale, dalla difesa di ufficio agli elenchi di specialità e' un tema che riguarda l'amministrazione della giustizia mentre l'Anm e' appiattita su una logica improntata al basso corporativismo sindacale e noi ci preoccupiamo della qualità delle prestazioni dell'avvocato".
Dopo circa 6 anni dalla Riforma della difesa d'ufficio e del patrocinio alle spese dello Stato, si deve constatare che "quelle norme non sempre hanno funzionato come dovrebbero; principale vittima e' l'indagato-imputato a cui non sempre sembra garantita l'effettività del diritto di difesa".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/07/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF