Sei in: Home » Articoli

Cassazione: criteri di ripartizione del trattamento di reversibilità tra coniuge superstite e coniuge divorziato

"La ripartizione del trattamento di reversibilità, in caso di concorso fra coniuge divorziato e coniuge superstite, aventi entrambi i requisiti per la relativa pensione, deve essere effettuata, oltre che sulla base del criterio della durata dei rispettivi matrimoni, anche ponderando (alla luce della sentenza interpretativa di rigetto della Corte Costituzionale 4 novembre 1999 n. 419), ulteriori elementi correlati alla finalità solidaristica che presiede al trattamento di reversibilità, da individuare facendo riferimento all'entità dell'assegno di mantenimento riconosciuto all'ex coniuge e alle condizioni economiche dei due, nonché alla durata delle rispettive convivenze matrimoniali: elementi questi che non possono essere pretermessi per il solo fatto che sugli stessi non si sia aperto alcun contraddittorio". E' questo il principio di diritto ribadito dalla Suprema Corte di Cassazione (Sent. 10669/2007) che, nel confermare la sentenza della Corte di Appello, ha dichiarato infondato anche il secondo motivo di ricorso con cui una moglie superstite "deducendo vizio di motivazione, aveva rilevato che nel corso della convivenza matrimoniale (il marito si separò all'età di 47 anni) egli non aveva maturato il periodo contributivo utile per la pensione” e “sostenuto che nella determinazione della quota della pensione di reversibilità si doveva tener conto dell'apporto contributivo, durante il periodo di convivenza, alla pensione del de cuius".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/06/2007 - Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF