Sei in: Home » Articoli

Privacy: stop alle telefonate indesiderate

Il Garante per la protezione dei dati personali ha reso noto di aver richiamato alcune Società telefoniche e alcuni call center "rei" di effettuare a ripetizione telefonate nelle case degli italiani per promuovere servizi senza la loro autorizzazione.
Con ben cinque provvedimenti il Garante ha quindi stabilito che non si potranno più effettuare le telefonate nelle case degli italiani senza il loro esplicito consenso.
Si tratta di provvedimenti che riguardano alcuni dei principali gestori telefonici e società che operano in qualità di call center per conto degli stessi gestori e di altre importanti aziende. A queste Società l'Autorità ha prescritto una serie di misure affinché vengano rispettati la riservatezza e gli altri diritti degli utenti.
Il Garante ha inoltre stabilito che le società telefoniche e i call center dovranno interrompere immediatamente i trattamenti illeciti dei dati, informandone di ciò l'Autorità entro il prossimo 5 luglio. Dovranno inoltre interrompere l'uso indebito dei numeri telefonici per scopi commerciali senza il previsto consenso da parte degli interessati, regolarizzare le banche dati con la necessaria acquisizione del consenso da parte degli interessati, informare gli utenti in maniera trasparente circa la provenienza dei dati e il loro uso. Tutte le misure organizzative, tecniche e procedurali, dovranno dalle Società essere adottate al massimo entro il prossimo 10 settembre.
Previste pesanti sanzioni per chi non adempie alle prescrizioni del Garante.
(20/06/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF