Sei in: Home » Articoli

Cassazione: testimonianze dei minori? Vanno valutate con attenzione perché possono confondere il vero dall'immaginato

La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 21643/2007) ha stabilito che occorre utilizzare molta attenzione e prudenza nel valutare le testimonianze rese dai minori in tema di abusi e ciò in quanto per i bambini vicini all'infanzia è molto alto il rischio che gli stessi non riescano a distinguere il vissuto dall'immaginato.
Partendo da questa considerazione la Corte giunge poi ad affermare che "le dichiarazioni di un minore persona offesa di reati sessuali, specie nel caso in cui costituiscano l'unica fonte di prova, devono essere sottoposte ad un esame critico particolarmente rigoroso tendente a verificare l'esistenza di eventuali interferenze inquinanti che possano influire sulla attendibilità della vittima".
Con questa decisione la Corte ha respinto il ricorso di un uomo accusato di aver usato violenza nei confronti di una minore. Nel caso di specie, osserva la Corte, "l'età anagrafica della minore non rendeva concreto il rischio che la stessa non distinguesse il vissuto dallo immaginato o non comprendesse la ricaduta delle stesse accuse".
Nel contempo però i Giudici hanno precisato che tale certezza non può sussistere "con bambini vicini all'infanzia" nei quali e' "concreto il rischio" di confondere la realtà dalla immaginazione e che sono "complesse le indagini volte a stabilire la capacità di un bambino a rendere testimonianza (cioè, la sua attitudine a comprendere fatti, a memorizzarli, a riferirli in modo utile) ed a verificare il suo grado di maturità e la sua situazione psicologica, tali tematiche sono utilmente affidate alla competenza di un esperto".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/06/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF