Sei in: Home » Articoli

Contributi S.S.N. - Competenza Commissione Tributarie - Sussiste

L'INPS, nel messaggio 10.4.2007 n. 9155,ha precisato, recependo le indicazioni fornite dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione nella sentenza 9.1.2007 n. 123, che i ricorsi contro le cartelle per contributi al Servizio Sanitario Nazionale devono essere presentati alle Commissioni Tributarie e non al giudice del lavoro. Pertanto, per le cause concernenti l'impugnazione di cartelle esattoriali relative ai contributi al Servizio Sanitario Nazionale, è competente a decidere la Commissione Tributaria Provinciale nella cui circoscrizione si trova la sede INPS che ha emesso il ruolo contro cui si ricorre.
Il ricorrente deve, inoltre, notificare il ricorso alla sede INPS competente Domanda di sospensione del provvedimento Se il pagamento della cartella può causare danni gravi o irreparabili, il contribuente può presentare alla Commissione, contestualmente al ricorso, anche la domanda motivata di sospensione del provvedimento. Nel caso in cui la cartella contro la quale si ricorre riguardi sia contributi ordinari che contributi del Servizio Sanitario Nazionale, il contribuente deve proporre ricorso separatamente: - al giudice del lavoro, per la parte riguardante i contributi ordinari; - alla Commissione Tributaria, per quanto riguarda la parte relativa al Servizio Sanitario Nazionale. Avv. Massimiliano Leonetti
Inps, Messaggio n. 9155 del 2007 - Avv. Massimiliano Leonetti
(17/06/2007 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF