Sei in: Home » Articoli

TFR tra previdenza complementare e tutela del risparmio

Il sistema del Welfare State italiano è costretto a retrocedere di anni per fronteggiare un problema economico che ha investito le casse dell'Istituto nazionale di previdenza sociale. Tale retrocessione non è obbligatoriamente un punto negativo, ma non possiamo non osservare come stia diventando fondamentale il sistema di previdenza privata, introdotto in Italia nella seconda metà del XIX secolo, piuttosto che quello pubblico che lo ha seguito sino ad oggi come “sistema primario”. Agli occhi di molti, questa necessità (previdenza integrativa o complementare) è presto trasformata in una virtù. Il legislatore, nella riforma con le sue modificazioni complessivamente considerate, agli occhi di chi scrive pare aver sottovalutato taluni aspetti che si ritengono interessanti per una consapevolezza della materia nella sua evoluzione. (Articolo di Luca Lodi)
Articolo di Luca Lodi
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/07/2007 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debitoEquitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF